fbpx

IL DADO E’ TRATTO

IL DADO É  TRATTO

Testo a cura di Anna Facchinetti

La peculiarità del lavoro di Beppe Borella è sicuramente il materiale utilizzato per realizzare le sue opere. È singolare e molto interessante notare come il marmo e la pietra possano subire lavorazioni tali per cui il loro comune aspetto venga stravolto. È questo il caso in cui dobbiamo rivalutare completamente le concezioni di scultura e quadro; infatti, in alcune opere di Beppe le due cose coesistono diventando un unico elemento. Così come ci sono sculture che si sostengono da sole e possono poggiare a terra, ce ne sono altre che tendono a diventare quadri e pur occupando le tre dimensioni hanno la necessità di essere appese ad una parete. In entrambi i casi la bravura e la tecnica nel lavorare un materiale prezioso e complesso come il marmo è evidente: la superficie è liscia e lavorata al millimetro con una precisione quasi chirurgica che fa sembrare la pietra morbida e facilmente malleabile come creta.

Andando ad analizzare la ricerca formale di Beppe, si può notare come essa si sviluppa su due fronti apparentemente molto diversi fra loro: da un lato l’indagine volumetrica e quasi scientifica relativa alla massa e al “corpo” del marmo, dall’altra la natura POP e mainstream di alcuni suoi soggetti e cromie.

Di quest’ultimo filone sono le sue sculture rappresentanti i carrarmati Risiko, le pistole, le mollette e i Lego, iconografie subito riconoscibili e simboli importanti della società e cultura contemporanea. In esse molto spesso il materiale di realizzazione è mascherato dall’uso del colore. Inutile dire che anche queste campiture omogenee, monocromatiche e piatte fanno parte della logica POP di ricondurre tutto ad una dimensione superficiale a base di plastica e colori sgargianti.

Diverso è il discorso quando ci si approccia alle sue opere “analitiche”, in questo caso il materiale è sempre lasciato visibile come parte integrante dell’opera, i volumi sono trattati e studiati minuziosamente e formano dei giochi geometrici che studiano i diversi equilibri possibili. Anche i materiali di scarto sono utilizzati per la realizzazione di queste opere ricevendo una nuova vita e un nuovo significato.

Ma queste due strade non sono parallele e solitarie, capita a volte che i due filoni d’indagine s’incontrino. Questo succede grazie al colore: la cromia POP prende il sopravvento e invade il campo serioso dell’analisi inondandolo di colore sgargiante come il verde, il rosso o il blu e i volumi subiscono un altro intervento al quale si adattano fornendo nuovi argomenti di studio.

Le superfici si uniformizzano, il materiale scompare e rimangono solo i volumi a farla da padroni.

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email
Share on twitter
Twitter

POTREBBERO INTERESSARTI

LA MUTABILITÀ DELLA MATERIA

LA MUTABILITÀ DELLA MATERIA Testo a cura di Monia Malinpensa La mutabilità della materia è per lo scultore Beppe Borella di primaria importanza, egli dona forma e struttura

LEGGI DI PIU