fbpx

TABLEAUX SCULPTURES

TABLEAUX SCULPTURES

Testo a cura di Stefano Bianchi

C’è un aforisma che sembra formulato apposta per sottintendere la versatilità di uno scultore come Beppe Borella.

È dell’umorista americano Arthur Bloch, autore del libro La legge di Murphy: «La scultura è quella cosa contro la quale vai a sbattere, in un museo, quando fai due passi indietro per guardare meglio un quadro».

Bene.

Borella si trova talmente a proprio agio con il marmo, l’onice, la quarzite; padroneggia e scolpisce a tal punto la materia, da permettersi il lusso di appenderla alle pareti.

Di trasformarla in Tableaux Sculptures.

Preziosi quadri sculture, come quelli esposti lo scorso anno a Parigi e questi, che state osservando e ammirando.

L’artista lombardo parte da una superficie monocromatica (naturale o smaltata), la incide o la buca fino a creare le serie Orbite, Depth, Double Sign, Color, Spazi e Tagli che s’ispirano e reinterpretano l’arte Ottico-Cinetica, la Pittura Analitica, lo Spazialismo, le Estroflessioni.

E sulla superficie, ogni volta, convivono visibile e invisibile, luci e ombre, idea e realizzazione.

Vi sono poi Orbite, Epicentri e Spazi, minuziosamente incorniciati, dove Borella evidenzia le nervature del marmo; oppure (nelle ControNature) dove l’incisione spezza o esorcizza la nervatura stessa.

In entrambi i casi, a prima vista, la contemporaneità del marmo si confronta con l’antichità delle cornici in legno.

Nella realtà, i ruoli si ribaltano: è la storia del marmo, millenaria, a rendere contemporanee le cornici.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

POTREBBERO INTERESSARTI

LA MUTABILITÀ DELLA MATERIA

LA MUTABILITÀ DELLA MATERIA Testo a cura di Monia Malinpensa La mutabilità della materia è per lo scultore Beppe Borella di primaria importanza, egli dona forma e struttura

LEGGI DI PIU